Sono una donna HIV-positiva, e mio figlio alla nascita è risultato sieropositivo. Vuol dire che ha sicuramente contratto l'infezione?

No. Durante la gravidanza, attraverso la placenta arrivano al feto numerose sostanze presenti nel sangue materno, tra le quali anche gli anticorpi. Pertanto, una donna sieropositiva, che ha cioè gli anticorpi contro il virus, trasmette questi anticorpi anche al feto, ed alla nascita la presenza di questi anticorpi materni viene rilevata dal test, che risulta quindi positivo. Gli anticorpi materni vengono poi progressivamente smaltiti dal neonato, il quale quindi in un periodo di tempo variabile (anche oltre un anno) diventa sieronegativo. Solo in caso di effettiva infezione il neonato produce anticorpi propri, e quindi resta sieropositivo anche dopo avere eliminato quelli materni.


Le Pagine di questo Sito sono state realizzate dal Dott. Giuseppe Paraninfo - Ultimo aggiornamento: ottobre 2005