Perchè la tossicodipendenza è a rischio per la trasmissione dell'HIV?

Dopo che una siringa è stata utilizzata per iniettare le sostanze stupefacenti per via endovenosa, piccole quantità di sangue possono residuare all'interno dell'ago; se questa siringa viene riutilizzata da un altro tossicodipendente, anche il sangue residuo può essere iniettato assieme alla droga. Se quel sangue apparteneva ad una persona sieropositiva, chi riutilizza la stessa siringa ha quindi delle elevate probabilità di iniettarsi delle piccole quantità di sangue infetto, molto spesso sufficienti a trasmettere l'infezione.

Inoltre, ci può essere il rischio di trasmissione anche mediante la contaminazione degli strumenti utilizzati per preparare le droghe da iniettare.  La prevenzione del contagio in questo caso può essere fatta utilizzando materiale sterile ed evitando di scambiarlo con altri.


Le Pagine di questo Sito sono state realizzate dal Dott. Giuseppe Paraninfo - Ultimo aggiornamento: ottobre 2005