Introduzione

   Il Fegato:
Il fegato è l'organo più voluminoso del corpo umano, ed ha un peso nell'adulto di circa 1,5 Kg. E' situato nella parte superiore destra dell'addome, al di sotto dell'arcata costale (area dell'addome che viene chiamata ipocondrio destro). 
Il fegato, che ha una struttura cellulare è composta principalmente dagliepatociti, svolge svariate funzioni, indispensabili per la vita dell'organismo:

  • trasforma gli alimenti assorbiti durante la digestione nelle sostanze chimiche che servono per produrre l'energia necessaria per tutte le funzioni vitali delle cellule che compongono l'organismo;
  • elimina numerose sostanze tossiche, trasformandole in composti non più tossici e favorendone il successivo smaltimento dall'organismo. Tra queste sostanze sono compresi anche molti farmaci;
  • produce la bile, un liquido di colorito giallo-verdastro, che viene accumulata nella cistifellea (una specie di "sacchetto" situato sotto il fegato) e quindi immessa nell'intestino, necessaria per la digestione di alcune sostanze alimentari;
  • regola il metabolismo di molte sostanze organiche, fra le quali il colesterolo, il glucosio, vitamine ed ormoni;
  • interviene nella produzione di varie proteine, come l'albumina e vari fattori della coagulazione, indispensabili per molte funzioni vitali dell'organismo.

   Cosa si intende per epatite:
Per epatite si intende uno stato di malattia del fegato caratterizzato essenzialmente da due elementi:

  1. infiammazione, cioè afflusso nel fegato di una elevata quantità di cellule infiammatorie (leucociti di vario tipo) richiamate da un agente nocivo che deve essere combattuto ed eliminato; come risultato di tale afflusso si ha un ingrossamento del fegato;
  2. necrosi (cioè morte) di una elevata quantità di epatociti (cellule del fegato); come conseguenza varie sostanze contenute nelle cellule epatiche, ed in particolare le transaminasi (che sono degli enzimi), vengono riversate nel sangue dove possono essere dosate; perciò se noi troviamo le transaminasi aumentate nel sangue possiamo dire che è in corso una epatite.

Gli agenti nocivi che possono provocare epatite sono di varia natura, ma nella grande maggioranza dei casi sono rappresentati da alcuni virus. Tali virus vengono distinti in virus epatitici maggiori (Figura 1), responsabili principalmente di danno epatico, e virus epatitici minori, responsabili di infezioni sistemiche con secondario interessamento del fegato. Appartengono a questo secondo gruppo, tra gli altri, il Citomegalovirus (CMV) ed il virus di Epstein-Barr (EBV), l'agente eziologico della mononucleosi infettiva.


Le Pagine di questo Sito sono state realizzate dal Dott. Giuseppe Paraninfo - Ultimo aggiornamento: ottobre 2005